UNA GIORNATA IN GITA CON L'ASSOCIAZIONE CULTURALE ARCHEOLOGICA DI OGGIONO (ARCAO)

Partenza

Prima cosa uno sguardo al cielo: il tempo è bello, oggi ce la farà buona. Abbiamo pensato ad organizzare tutto nei dettagli ma purtroppo il meteo non riusciamo a programmarlo come noi vorremmo.

Small Title

2 palazzo ducale Agliè.jpg

La nostre guide (la bravissima Cristina che, insieme a Massimo, da anni  accompagna l’associazione nelle gite in Piemonte) ci introducono nella storia del castello e degli avvenimenti storici ad esso legati. La passione e la curiosità di conoscere e apprezzare le belle cose anima tutti.

Il pullman parte puntuale, qualcuno eccitato per la gita, la maggioranza, assonnata, cerca di recuperare dalla sveglia anticipata.

Il viaggio scorre senza problemi e, all’arrivo a destinazione, incontriamo le due guide che ci accompagneranno per tutta la giornata e ci guideranno durante le visite ai monumenti.

Il Castello Ducale di Agliè, all’arrivo, ci sorprende per la sua eleganza e imponenza.

3.jpg

L’interno ci sorprende ancora di più per le belle sale, per i corridoi ricchi di quadri, statue e lampadari.

7.jpg
8.jpg
11.jpg
3 palazzo Agliè.jpg
21.jpg

Il parco e i giardini che circondano il castello sono altrettanto belli e ricchi di storia, meritano una passeggiata all’ombra di piante secolari.

18.jpg
20.jpg

 Capiamo perché negli ultimi anni il castello, con i suoi   giardini, è stato usato come ambientazione per le serie   televisive Maria JoséElisa di Rivombrosa e La bella e la   bestia.

Dopo circa due ore lasciamo il palazzo che fu proprietà dei Savoia. Nel 1939  il castello fu acquistato dallo Stato italiano per 8 milioni di lire.

16.jpg

Il pullman ci trasferisce al vicino Lago di Candia dove molti di noi consumeranno il pasto all’interno del parco naturale e altri apprezzeranno i piatti tipici presso un ristorante prenotato precedentemente dall’associazione

30.jpg
img-20190811-121535-largejpg.jpg
22.jpg

Sono ormai le 15,15 ed è ora di lasciare la piacevole località sul lago di Candia per raggiungere l’Abbazia benedettina di Fruttuaria, seconda tappa del nostro programma.

Fondata poco dopo l’anno Mille nel territorio del Canavese, conserva resti  di antiche strutture con splendidi pavimenti a mosaico, visitabili attraverso un percorso archeologico sotterraneo.

28.jpg
24.jpg

Le guide ci hanno accompagnati a gruppi di nove persone all’interno dell’Abbazia, ricca di opere anche di epoche più recenti.

5.jpg
4 Abbazia Fruttuaria.jpg

La giornata, passa veloce, è giunta ormai l’ora di ritornare a Oggiono, salutiamo le guide e si riparte.     

                      alla prossima.....