La Pietà di Michelangelo 1497/1499

Tutti noi conosciamo la pietà di Michelangelo, che è forse la scultura più famosa al mondo.

Bellissima e unica la dolcezza del volto della Madonna, morbido e ricco il panneggio della veste, così come sembra naturale l’abbandono del corpo del Cristo morto.

Ma cosa ci vuol dire veramente l’artista? Cosa c’è di strano in quest’opera? Se ci fermiamo a osservare attentamente ci accorgiamo che ci sono almeno due cose che non tornano.

Sappiamo che Gesù fu crocefisso a 33 anni e la Madonna, quando si sposò, poteva avere dai 15/16 anni e, probabilmente, partorì a 16/17 anni. Quindi alla morte di Gesù doveva avere circa 50 anni.

Vi sembra che Michelangelo abbia riprodotto una donna di 50 anni?

La seconda cosa che ci fa pensare è il volto della Madonna. La morte di un figlio è un dolore immenso, un dolore che stravolge, che ti disfa. Vi sembra, quello di Maria, un volto sofferente e distrutto dal dolore?    

Allora cosa ci sta dicendo esattamente Michelangelo? Che cosa ha voluto rappresentare?

Sembra incredibile, ma ci sta raccontando una nascita: la Madonna è quella di 17 anni, la stessa serenità, la stessa freschezza, tiene in braccio un corpo apparentemente morto che sta nascendo a una nuova vita.

piet%C3%A0-michelangelo_edited.jpg