Sabato 22 settembre 2018


SAVONA


Sobria e tranquilla, Savona si rivela al turista, passo dopo passo, come una città piacevole, ricca di testimonianze storiche e di luoghi d’arte che esprimono una generosità culturale davvero sorprendente. Ebbe grande sviluppo artistico durante il Rinascimento, grazie a due grandi pontefici mecenati del periodo, Sisto IV e Giulio II, entrambi provenienti dalla famiglia savonese dei Della Rovere, che chiamarono in città pittori, maestranze e architetti per lavorare al riassetto urbano. Tra i più importanti edifici della città troviamo:

La fortezza del Priamar, un imponente complesso di carattere militare che domina il centro cittadino nelle vicinanze del porto, costruita tra il 1542 e il 1545 dai genovesi;
Palazzo Della Rovere, disegnato dal Sangallo nel 1495;
la Cattedrale di N.S. Assunta, con il coro ligneo, il bassorilievo in lavagna dorata raffigurante l’Assunta (XIV secolo) e la piccola Cappella Sistina, voluta da papa Sisto IV per ospitare il mausoleo dei genitori.
• Gli Oratori, autentici scrigni d’arte, dislocati nel centro cittadino, sedi delle antiche Confraternite, che custodiscono le “casse” processionali del Venerdì Santo. Le “casse” sono imponenti gruppi scultorei in legno policromo, in massima parte settecenteschi, che raffigurano le diverse tappe della passione di Cristo.
• Tra le testimonianze pittoriche della magnificenza roveresca, bisogna collocare il Polittico Della Rovere realizzato da Vincenzo Foppa e Ludovico Brea nel 1490 su commissione di Giulio II, collocato nell’Oratorio di N.S. di Castello, l’antica cattedrale della città. Per abbellire la cappella di famiglia collocata prorpio in questa chiesa, Giuliano Della Rovere ordinò anche degli affreschi a Marco d’Oggiono e al pittore milanese Ambrogio Zaffaroni, oggi andati distrutti, insieme ad alcuni disegni per la realizzazione di stalli del coro ligneo del Duomo.



vedi la locandina completa

 



Per la lettura del programma annuale 2018 Vedi locandina



Filmato Battistero

Filmato interno del Battistero in alta risoluzione, concesso dal Sig. Gianni Frigerio

Abside Battistero